venerdì 23 novembre 2007

il frutto del peccato

Salgo in metro, come tutte le mattina. Linea verde.

Qualche fermata dopo fa l'ingresso nel vagone in cui sto io una ragazza bionda, graziosa, con un colbacco di pelo azzurro (giuro) e uno zainetto, Luis Vuitton.

Si mette in un angolo, si siede composta e prosegue indisturbata la lettura del suo libro: Silvio Muccino e Carla Vangelisti con "Parlami d'amore".

Ad un certo punto poggia il libro sulle gambe e dallo zaino (e che zaino), estrae una mela e apre un pacchettino. Comincia a mangiarla, quella mela.

L'addenta bene. Senza sporcarsi. Con classe. Con un "crock" da mela che a me non esce mai.


Poi tira fuori dal pacchettino un crecker integrale (buono integrale, sano intergrale.. sempre intergrale!).

Alterna un morso di mela con un morso di cracker: non sbriciola, non si sporca, non mangia insieme i peli della sciarpa, continua a leggere il libro, e non lo sporca nemmeno, il libro.


Finisce il frutto del peccato, mangiandolo anche alle estremità, dove è difficile addentarlo in modo elegante, perché devi torcere ciò che ti rimane del frutto e va a finire sempre che ti sporchi il naso mentre lo mordi in verticale.


Ma lei no.

Eva finisce il suo pranzo salutare in tre-quattro fermate.

Non ha nemmeno bisogno di pulirsi la bocca e non le vengono nemmeno gli angoli della labbra arrossati, che a me invece si presentano al primo morso.

E' perfetta.

Bardata nel suo cappottone, nel suo colbacco, nella sua sciarpona.

Ed è senza briciole.


Ed io?
Ed io sono una sfigata.


Primo perché continuo ad osservarla e mi accorgo che sto facendo delle smorfie di dolore ed invidia.

Secondo perché anche quando mangio una caramella riesco per fare danni.

Lo zucchero mi si appiccica sulle labbra, prima di portarla alla bocca prendo dentro la sciarpa e mangio mille peli, e mentre la mastico la bocca mi si riempie di saliva e devo stare attenta ad aprirla.



Se mangiare una caramella mi provoca disturbi in ambito sociale, pensate cosa potrebbe accadermi se provassi ad addentare una mela in metropolitana: mi si incastrerebbero negli incisivi parti della buccia che solo dopodomani riuscirei a togliere, mi partirebbe lungo il labbro un rivolino di succo di mela, mi cadrebbero delle gocce sulla mia amata sciarpa pelosa e altre scivolerebbero invece lungo il polso, arrivandomi fino al gomito.. E poi brucia, quel maledetto succo brucia!



Non voglio pensare cosa mi potrebbe accadere se mangiassi anche solo un cracker.. INTEGRALE POI!!

d.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...