mercoledì 20 ottobre 2010

molto forte, incredibilmente vicino

Domanda: Si può consigliare la stessa cosa, per noi emotivamente coinvolgente, a due persone diverse?
REisposta: Sì, a malincuore, sì.


Capita di voler condividere qualcosa con qualcuno per dei motivi e con qualcun altro per motivi differenti.
Ma il risultato qual è? Lo stesso: ovvero che entrambe le persone andranno a casa felici, allo stesso modo, per lo stesso motivo.
Non sarebbe giusto, non sarebbe 'sentimentalmente' onesto.

Nessuna complicazione per quel che mi riguarda, anzi, mai stata più sicura di questo momento.
Il mio pensiero è causa di altri pensieri, passati. E di situazioni, che capitano, una volta qua e una volta là.

Ho l'abitudine, anche se qualcuno lo definirebbe 'vizio', di portare nel mio mondo chi mi sta attorno.
E allora succede, succede che certi film, certi soprannomi, certe canzoni, certi libri vengano condivisi, consigliati, anche a chi non se lo merita; per partito preso, per insicurezza verso noi stessi (per la quale si giocano carte sicure), per trasporto emotivo, per amore, solo per amore, ma succede.

E quindi è così, consiglio la canzone tal dei tali a chi non la conosce, spinta da amore sublime oppure per conoscenza. Consiglio il libro della mia vita, perché in quello c'è racchiusa tutta l'ironia che mi appartiene, tutti dei modi di fare miei che mi contraddistinguono, tutta la mia anima... ma lo consiglio a uno perché lo amo, all'altro perché voglio fare la figa, a un altro/a ancora perché gli/le voglio semplicemente un gran bene, e a un altro ancora ancora perché non è abituato a queste cose e potrebbe sorprendersi.

Succede. E' un po' come portare più di una persona in uno stesso luogo o paese, mostrargli quello che i nostri occhi hanno visto in passato e quello che vedono in quel momento... ed è così, fine. Punto e a capo.

Ma sapremmo noi, reggere l'importanza di certe azioni? Sapremmo subirle e non far vincere gelosie e sospetti e intolleranze ridicole?

Chi lo sa.
Io no.
Voi, forse, nemmeno.
A posto così, non ve lo sto mica chiedendo


Buonanotte

3 commenti:

  1. Danibella, ma Molto forte, incredibilmente vicino ti e' piaciuto?... no, perche' io ho arrancato per arrivare alla fine...:-(

    d. :)

    RispondiElimina
  2. Beh, ma non si può evitare...se non lasciando fuori chi ti sta accanto dalle cose che per te sono importanti! Ricordami che una volta ti racconto la peggiore aberrazione di cui mi sono reso protagonista in questo campo!

    RispondiElimina
  3. Donabella, sì che mi è piaciuto... è che quel libro è proprio come me: arranchi ad arrivare alla fine :D

    Aldo ti aspetto! (mi raccomando, con Uran!)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...