giovedì 13 gennaio 2011

automatici /5

convivo da due giorni con un grumettino di sangue che mi si è formato sulla mano, tra il polso e il pollice, più vicino al pollice, diciamo alla base, del pollice.
è piccino èh, mica grande; sembra un puntino con la penna. rossa.
un pochetto in rilievo, tipo crosticina, però è tutto liscio.
chissà. ne ho anche sul seno, piccolo piccolo, quasi rosso carminio, uguale a mio padre. ce l'ha nel mio stesso identico posto.
magari quello sulla mano si schiarisce e rimane lì, per sempre.
magari mi diventa di rosso carminio anche questo, mentre ora è più scarlatto.
mi tiene compagnia.
è lì, forse significativo di questi ultimi giorni di crampi al cuore e allo stomaco che si stanno scioglendo in grandi baci e abbracci.
forse avevo talmente il sangue impazzito dal cervello al cuore che una giocciolina si è persa e ha voluto a tutti i costi uscire dal mio corpo incandescente attraverso un buchino sulla mano.
comunque me lo tengo, ho deciso.
non è male, e poi a me questi segni piacciono parecchio.
è come quando ti tagli o ti graffi prima di andare al mare e ti esce la crosticina e ti rimane per l'intera vacanza e in quella vacanza prendi il sole e quando la crosticina va via rimane il bianco sotto.
ecco. mi piace da pazzi. mi coccolano queste cose. mi piace la mia pelle, i segni che ne rimangono, quelli che se ne vanno, quelli che concedo e quelli che tengo per me.
il più bello? un neo, in centro alla spalla destra, da solo, nel mezzo della spalla, prima dell'avanbraccio.
dicono sia il neo della bellezza.
ahahahaha

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...