giovedì 22 settembre 2011

shock the monkey

va be', sto bene, contenti? io, sì.
ieri sera al pub è stato pazzesco: c'erano tre persone, due donne - una visibilmente fuori come un balcone, non in senso di ubriaca, in senso di fuori e basta - e un uomo, un piccoletto.

questi praticamente sono usciti senza soldi: una aveva il portafogli a casa, l'altro non aveva contanti, una pagava con il bancomat...
dico io, va bene.
ma se ordini e la cameriera ti chiede di pagare, paghi.
qui funziona così.
non mi importa che sei lì 'bella tranquilla, ho anche i tacchi e il motorino, dove vuoi che scappi?'...
è che se fai l'errore di continuare a prendere per il culo la cameriera - che sta facendo semplicemente il suo lavoro - con lì, al tavolo accanto me e il cavaliere mascherato, ovvero il proprietario del locale, ieri libero da impegni lavorativi... be', non ti gira bene.

non saprei ripetervi il dialogo esatto, ma 'sta di fatto che all'ennesimo ridolino e risatina da ebete e frasi del tipo 'ma l'hai vista? ma ti pare questa che mi chiede i soldi? ma stai serena dico io, non scappo mica. rilassati cioè, ti ho detto che pago dopo e pago dopo...', io sono partita dicendo:
'ma scusami, alzarti e entrare a pagare è così tanto difficile?'

ahaha apriti o cielo.
queste evidentemente colte di sorpresa e con il culo che gli bruciava, sono impazzite.
hanno cominciato ad attaccarsi al fatto che se avevo ascoltato il loro discorso, non mi facevo i cazzi miei.
e che potevo girarmi e andare avanti ad annoiarmi con il mio 'bello'.

ahahah

la frase più bella - dopo che io ho ribattuto con tranquillità, cosa che ha fatto innervosire una delle due ancor di più - è stata: 'no perché io mi faccio un culo così tutti i giorni dalle otto fino alle sei di sera....'

mavvvva'? e invece cosa dovresti fare, scema?
tu, dico tu, che fai le tue ore normali, ti fai il culo e mi fai pesare il fatto che devi alzare le chiappe e pagare nove dico nove euro?


vi dico solo che è finita che quasi mi chiedeva scusa, dopo che io devo averle spezzato il cuore dicendole: 'zitta, radical chic di merda'

il cavaliere mascherato nel frattempo era impegnato con il nanetto che era tutto un 'qui vi faccio chiudere!'. la forza del cavaliere mascherato è che aveva ascoltato i ragazzi che parlavano durante la serata, e i discorsi erano 'berlusconi è una merda, il lavoro non funziona, siamo tutti compagni e amici', bla bla bla, per cui ha smontato il piccoletto in due nano secondi.


che vi devo dire, al pub non ci si annoia mai.
certo, stavamo giusto per andarcene a casa a farci un po' i fatti nostri, ma mi sono divertita un sacco ugualmente.


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...